s
   Stampa   E-Mail
s
s
 
s
s
s s s
s
s s s
s
s
s
s
Scarica la brochure

Unione EuropeaQCS

Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Valid HTML 4.01!

Valid CSS!

s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
Programma > Organismi > Partenariato
s
s

Il rafforzamento del principio del partenariato, economico-sociale ed istituzionale, rappresenta uno degli aspetti di maggiore novità ed importanza della regolamentazione dei Fondi strutturali per il periodo 2000-2006.

Nella gestione del PON Trasporti il partenariato economico-sociale viene garantito attraverso la partecipazione diretta delle parti economiche e sociali alle riunioni del Comitato di Sorveglianza, così come disposto dal Regolamento interno dello stesso Comitato. Tale Regolamento prevede, infatti, la partecipazione con voto consultivo, in seno al CdS stesso, di una rappresentanza pari complessivamente ad otto membri, designati per il tramite del CNEL, per le parti economiche e sociali, e due rappresentanti delle ONG, di cui una a carattere ambientale, come previsto dal QCS.

La partecipazione diretta viene altresì garantita nelle riunioni del Gruppo Tecnico Trasporti, così come previsto dal suo regolamento interno, che prevede appunto il coinvolgimento, nelle riunioni del Gruppo, degli esponenti delle parti economiche e sociali.

Tale Gruppo, previsto dal QCS Ob. 1, è stato istituito l'11 settembre 2001 con Decreto del Direttore del "Servizio Fondi Strutturali" del DPS del Ministero dell'Economia e delle Finanze; esso risponde all'esigenza di coordinamento delle operazioni da realizzare nel settore dei trasporti su scala regionale, nell'ambito dei POR, e nazionale nonché all'esigenza di approfondimento di tematiche specifiche in materia di trasporti.

Obiettivo del partenariato istituzionale è, invece, quello di garantire la partecipazione, al complesso processo di attuazione del Programma, delle diverse parti istituzionali, direttamente o indirettamente, interessate (Amministrazioni Centrali, Regioni, Autonomie locali, Enti attuatori).

Nel quadro del partenariato istituzionale, si colloca la cooperazione tra l'Autorità di Gestione del PON e l'Autorità Ambientale Nazionale, identificata con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio - Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile. Tale cooperazione viene codificata nel Piano Operativo di Cooperazione Sistematica (POCS) tra l'Autorità Ambientale e l'Autorità di Gestione, documento che fornisce un quadro di riferimento per l'attività sistematica di cooperazione tra i due organismi.

s
s s s
s
s s s
MINISTERO DELLE INFRASTUTTURE - 2022
PIANO DI COMUNICAZIONE COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA