s
English version   Stampa   E-Mail
s
s
 
s
s
s s s
s
s s s
s
s
s
s
Scarica la brochure

Unione EuropeaQCS

Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Valid HTML 4.01!

Valid CSS!

s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
Programma > Obiettivi e strategie > Quadro degli Assi
s
s

Il Programma Operativo Nazionale Trasporti concentra la propria strategia di sviluppo su quattro Assi prioritari di intervento:

  • I "Sviluppo del Sistema a rete delle direttrici principali di collegamento del Mezzogiorno";
  • II "Potenziamento delle connessioni fra le aree locali e le direttrici principali";
  • III "Sviluppo delle Infrastrutture nodali";
  • IV "Assistenza Tecnica"

Nello specifico :

  • l'Asse I mira a sviluppare il sistema a rete delle principali direttrici di collegamento del Mezzogiorno, attraverso il potenziamento, l'adeguamento e l'ammodernamento della rete ferroviaria e della rete stradale, il miglioramento delle attrezzature per la sicurezza marittima e delle infrastrutture di supporto alla navigazione aerea e l'incentivazione dell'innovazione tecnologica;
  • l'Asse II mira al potenziamento delle relazioni fra le aree locali e le direttrici principali, attraverso il rafforzamento delle connessioni del servizio ferroviario e della rete stradale con le infrastrutture nodali, nonché mediante la realizzazione e l'adeguamento dei collegamenti passeggeri fra le aree metropolitane e i nodi delle reti transeuropee;
  • l'Asse III mira ad ottenere lo sviluppo dei nodi di trasporto, attraverso il potenziamento e la riqualificazione delle infrastrutture portuali per i traffici commerciali, di cabotaggio e a breve raggio, il potenziamento di quelle aeroportuali Air side e Land side e l'intervento sui terminali a servizio dell'intermodalità delle merci;
  • l'Asse IV mira a garantire una efficiente, efficace e trasparente gestione operativa del Programma.

Ogni Asse è caratterizzato da obiettivi generali e specifici e si articola in Misure.

s
s s s
s
s s s
MINISTERO DELLE INFRASTUTTURE - 2018
PIANO DI COMUNICAZIONE COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA