s
   Stampa   E-Mail
s
s
 
s
s
s s s
s
s s s
s
s
s
s
Scarica il POC

Unione EuropeaQCS

Level A conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0

Valid HTML 4.01!

Valid CSS!

s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
s s s
s
Interventi > Criteri di selezione
s
s

I progetti del PON Trasporti sono selezionati applicando i criteri di ammissibilità e priorità previsti nel Complemento di programmazione.

I Criteri di ammissibilità consentono di effettuare una preselezione delle operazioni - le cui spese saranno rendicontate per il loro rimborso a carico dei fondi comunitari e nazionali pertinenti - sulla base della presenza o meno di determinati requisiti.

I Criteri di priorità consentono la graduazione delle sole operazioni ammissibili, in funzione degli obiettivi strategici e delle modalità di attuazione del Programma, con l'obiettivo di realizzare un'efficace ed efficiente allocazione delle risorse finanziarie a disposizione. I criteri di priorità sono distinti in due categorie:

Per ogni criterio è attribuito, da parte dei Responsabili di Misura, un punteggio (compreso tra 1 e 5); sommando i valori ottenuti per i singoli criteri risultano due valori, sintesi, rispettivamente, di quelli generali e di quelli specifici. Il punteggio complessivo attribuibile a ciascun progetto si ottiene sommando i due valori di sintesi.

La lista dei progetti, così determinata e periodicamente aggiornata, è verificata e ammessa al ricorso ai finanziamenti PON dall' Autorità di Gestione che la sottopone al Comitato di Sorveglianza ogni volta che si rendano necessarie modifiche significative.

Nel seguito sono riportati i criteri di cui si è detto.

 

Criteri di ammissibilità

1

Durata prevista dei lavori compatibile con i termini di ammissibilità della spesa

2

Predisposizione informazioni richieste dall'art. 26 del Reg. 1260/99 per i progetti classificabili come "Grandi progetti", ai sensi dell'art. 25 del Reg. 1260/99 (costo > 50 Meuro)

3

Sostenibilità ambientale

4

Sostenibilità economico-finanziaria (costruzione ed esercizio)

5

Coerenza con il Piano Generale dei Trasporti e della Logistica (PGTL) e con lo Strumento Operativo per il Mezzogiorno

6

"Analisi di fattibilità tecnico-economica", rispondente ai requisiti minimi richiesti per gli studi di fattibilità ai sensi della Delibera CIPE n. 106/99, per i progetti di importo complessivo superiore a 5,165 Meuro

 

Criteri generali di priorità

A

Contributo al conseguimento degli obiettivi di programmazione generale.

Contributo al riequilibrio modale ed all'integrazione tra sistemi di trasporto
Coerenza con il primo Programma delle infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale adottato dal CIPE il 21.12.2001
Contributo al raggiungimento della coerenza interna (integrazione e complementarietà)
Contributo alla riduzione degli impatti ambientali
Livello di aderenza alle priorità indicate dallo Strumento Operativo ed in particolare a quelle riferite agli interventi invarianti
Attuazione di Intese Istituzionali di Programma (IIP) e Accordi di Programma Quadro (APQ)

B

Contributo al conseguimento degli obiettivi programmati

Contributo al conseguimento degli obiettivi programmati dal programma

C

Contributo al conseguimento degli obiettivi e di completamento

 

D

Tempistica

Tempistica e visibilità dei risultati

E

Appartenenza alle reti TEN T

Appartenenza delle infrastrutture su cui si interviene alle reti TEN (Trans European Network)

Criteri di priorità specifici per Misura

I criteri di priorità specifici, propri di ciascuna Misura, sono stati aggregati e classificati rispetto ai seguenti obiettivi:

  • accessibilità;
  • riequilibrio modale;
  • intermodalità;
  • mobilità;
  • qualità ed efficienza;
  • riduzione degli impatti ambientali: contributo al conseguimento degli obiettivi di tutela ambientale

L'aggregazione dei criteri specifici è stata realizzata sulla base della rispettiva e diversa capacità di esprimere, in relazione alle caratteristiche della Misura, la rispondenza del progetto a ciascuno degli obiettivi prioritari del programma.

I criteri in parola adottati per ciascuna Misura e le loro aggregazioni sono riportati nelle Schede di Misura inserite nel Complemento di Programmazione.

s
s s s
s
s s s
MINISTERO DELLE INFRASTUTTURE - 2017
PIANO DI COMUNICAZIONE COFINANZIATO DALL’UNIONE EUROPEA